Carlo e Camilla di Borbone delle Due Sicilie a Napoli per la festa di San Gennaro

Carlo Azeglio Ciampi
19 Settembre 2016
Il consultore e storico militare Oreste Bivio a Vicoforte
22 Settembre 2016

DI ANDREA CARNINO

In occasione della ricorrenza di San Gennaro, patrono della Capitale del Regno dei Loro Antenati, Carlo e Camilla di Borbone delle Due Sicilie, Duca e Duchessa di Castro, insieme alla Principessa Beatrice, sorella di Carlo e mamma del Pretendente Bonapartista al Trono di Francia, hanno effettuato una visita partenopea di due giorni.

Domenica 18 settembre, i Reali si sono recati all’Ospedale Antonio Cardarelli di Napoli, il principale nosocomio del Mezzogiorno, dove sono stati ricevuti dal direttore generale Ciro Verdoliva e da una rappresentanza di medici e infermieri. Qui, hanno visitato  i reparti di Ematologia ed Oncologia, incontrando i pazienti.

La Principessa Camilla, ha annunciato di voler istituire una borsa di studio per valorizzare, un anno dopo l’altro, le promesse della medicina napoletana, rendendo omaggio ai molti primati che hanno distinto in passato la medicina napoletana in Europa, a cominciare dall’assistenza sanitaria gratuita, la prima promulgata in Italia, realizzata da Ferdinando IV, in occasione della fondazione della colonia di San Leucio.

Il giorno successivo, il Duca e la Duchessa di Castro, insieme alla Principessa Beatrice, al Sindaco di Napoli, al Presidente della Regione Campania ed agli esponenti della Nobiltà Napoletana, hanno assistito nel Duomo di Napoli alla celebrazione religiosa per la festività del Santo patrono, ufficiata dal Cardinale Crescenzio Sepe.

Anche quest’anno si è rinnovato il miracolo della liquefazione del sangue del Santo, evento annunciato dal Cardinale che ha mostrato ai presenti l’ampolla e saluto allo sventolio di un fazzoletto bianco da parte di Don Augusto Cattaneo della Volta dei Principi di San Nicandro.

Nel pomeriggio  i Reali si sono recati presso la Cappella Borbonica in Santa Chiara per consegnare alcune borse di studio ai bambini delle scuole di periferia  e per rendere omaggio alle spoglie dei rappresentanti di una dinastia che seppe fare grandi Napoli e il Sud.
I Duchi di Castro, insieme alla Principessa Beatrice, acclamati dalla folla, hanno poi passeggiato nel centro antico di Napoli, tra le botteghe degli artisti-artigiani di San Gregorio Armeno, dove hanno fatto gli acquisti necessari alla realizzazione di un presepe napoletano per le figlie, la Principessa Maria Carolina, neo nominata Erede al Trono e la Principessa Maria Chiara.

Carlo e Camilla, salutando ed abbracciando la gente che attendeva e cantava “viva o ‘Rre cu la famiglia” al Loro passaggio, hanno fatto tornare in mente Re Francesco II e la Regina Maria Sofia; il Duca di Castro, per i presenti, il Re, si commuoveva e sorrideva mentre stringeva la mano degli umili e semplici napoletani e la Duchessa di Castro cantava e danzava con il Suo popolo.

Il maestro Aldo Vucai ha presentato ai Principi una composizione (“La Tradizione”) con un Pulcinella vecchio che consegna la sua maschera ad un Pulcinella giovane.

Le statuine sono collocate su una base in legno ricavato dal   palcoscenico del Teatro San Carlino,  dove si esibì uno degli ultimi grandi Pulcinella, Antonio Petito.

I neoborbonici hanno regalato al Duca di Castro una statuina del grande Carlo di Borbone nel ricordo del Terzo Centenario della sua nascita (1716-2016): da Carlo a Carlo fino alla giovanissima Maria Carolina in una Tradizione di storia e affetti che non finiscono…

 

ALL’OSPEDALE CARDARELLI

download-1 download-2 download-3 download-4 download-5 download-6 download-7

DCIM100MEDIA

DCIM100MEDIA

download-9 download-10 download-11 download-12 download-13 download-14 download

 

Copyright photos:  pagina Facebook della Principessa;

http://www.quotidiano.net/cronaca/san-gennaro-miracolo-1.2524696

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *