LA CITTA’ DI GERA HA FESTEGGIATO I 100 ANNI DELLA PRINCIPESSA WOIZLAWA DI REUSS

DI ANDREA CARNINO

Il 17 dicembre 2018 ha festeggiato il Suo centesimo compleanno la Principessa Woizlawa Feodora di Reuss. Figlia di Adolfo Federico di Meclemburgo-Schwerin e di Vittoria Feodora di Reuss Gera, a Sua volta figlia dell’ultimo Principe Regnante Enrico XXVII, la Principessa è rimasta orfana di Sua madre quando aveva soltanto un giorno di vita. Il padre nel 1918 era stato designato come Sovrano del Ducato dei Paesi Baltici, Stato mai riconosciuto se non dall’Impero Tedesco e che in seguito alla sconfitta della Germania nella Prima Guerra Mondiale, non vide mai la luce.

Ella passa la Sua infanzia a Gera in compagnia dei nonni materni mentre il padre si trasferisce nell’Africa dell’Est dove effettua delle ricerche sulle piante e gli animali; questi studi gli permetteranno di scrivere molti libri di successo. La nonna materna, Elisa di Hohenlohe-Langenburg, si attiva molto per aiutare gli orfani dei soldati e alleva Woizlawa inculcandole il principio dell’altruismo. La Famiglia Principesca, pur avendo perso la Corona alla fine della guerra, continua a lavorare per il benessere di Gera, promuovendone lo sviluppo della cultura e del teatro.

Il 7 gennaio 1937 l’allora Principessa Ereditaria Giuliana dei Paesi Bassi sposa il Principe Bernhard van Lippe-Biesterfeld e Woizlawa è tra le Sue damigelle d’onore, insieme alla Duchessa Thyra del Meclemburgo Schwerin, alla Granduchessa Kira Kirillovna Romanova, poi Imperatrice Titolare di Germania e alla Principessa Sofia di Sassonia-Weimar-Eisenach.

Il 15 settembre 1939 a Bad Doberan Woizlawa sposa il Principe Enrico I Reuss di Köstritz, che tramite Sua madre discende da Guglielmo II dei Paesi Bassi.

Il marito quattro anni prima era stato adottato dal cugino Enrico XLV di Reuss-Gera, Capo del Casato, il quale non avendo figli, decise di lasciare a lui il Suo patrimonio mentre le redini del Casato, unito dal 1927, anno dell’estinzione del Ramo Reuss Greiz in seguito alla morte senza eredi del Principe Enrico XXIV, sarebbero andate all’altro cugino Enrico IV.

Dalla loro unione nasce una femmina e sei maschi, che come da tradizione nelle due rami della Famiglia Reuss, si chiamano tutti Enrico in memoria del fondatore della Dinastia Enrico I.

Il 6 aprile 1945, il castello di Osterstein a Gera, dove viveva la famiglia, fu distrutto dai bombardamenti americani; fortunatamente quel giorno i Principi avevano preso parte al funerale di un valletto del nonno materno di Woizlawa e i numerosi feriti di guerra e i rifugiati ospitati riuscirono a fuggire.

L’edificio bruciò per ben tre settimane in quanto i pompieri locali erano già occupatissimi a spegnere i fuochi nella città, che venne distrutta.

La famiglia fu così costretta a trasferirsi al castello di Ebersdorf mentre Gera veniva annessa alla Germania comunista e i beni della Dinastia espropriati. Enrico I muore nel 1982.

La Famiglia tornata a Gera nel marzo 1990, negli anni riuscirà a recuperare diversi beni, tra i quali il Castello di Thallwitz. La Principessa si trasferisce in una depandance del Castello di Osterstein.

Nel 2001 si estingue il Suo Casato paterno, quello del Meclemburgo-Schwerin, in quanto il Granduca Francesco non aveva figli e Suo fratello Cristiano Luigi, deceduto nel 1996, aveva solo due figlie femmine: Donata e Edwina. Alla morte dello zio, Donata, per colpa della Legge Salica, mai abolita, non ha potuto diventare Capo della Casa Granducale e le prerogative sono andate al cugino Borwin del Meclemburgo Strelitz.

Per festeggiare i Suoi 100 anni, si è tenuto un grande concerto al teatro di Gera alla presenza di 800 persone; Woizlawa al Suo arrivo è stata acclamata dalla popolazione.

Il Suo segreto di longevità? Una dieta vegetariana e ricca di vitamine e rimedi omeopatici naturali come cure.

 

Copyright photos: https://www.mdr.de/thueringen/ost-thueringen/gera/prinzessin-feodora-feiert-geburtstag-102.html

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Chi Siamo

Costituito a Roma il 30 maggio 2005 per volontà di un una compagnia di persone dall’ alto profilo morale ed intellettuale, “Rinnovamento nella Tradizione – Croce Reale” è un movimento culturale identitario, di cultura, valori, tradizioni e monarchia.

Torna su