La consulta dei senatori del regno per il “NO” al referendum del 4 dicembre 2016, la consulta chiede ai poteri istituzionali di assicurare la correttezza del confronto

Il Granduca di Toscana a Pisa
17 Novembre 2016
Matera, a cidade das cavernas na Itàlia
19 Novembre 2016

La Consulta dei Senatori del Regno respinge la “riforma” della Costituzione, approvata da esigua maggioranza parlamentare, dai colori labili, e sottoposta ope legis a referendum popolare il 4 dicembre 2016.

Tale “riforma” non migliora ma deforma il bicameralismo; non riduce il “costo della politica”; “sopprime” (termine inaccettabile) un Istituto meritorio quale il CNEL, unico organo ausiliario dello Stato comprendente “esperti”; non accelera la formazione delle leggi; non chiarisce il rapporto Stato-Regioni, giacché, fra altro,  non risolve la disparità fra Regioni a statuto speciale e quelle a statuto ordinario.

Intrecciata alla legge per l’elezione della Camera dei deputati (a sua volta varata da esigua maggioranza, sub judice alla Corte Costituzionale e non modificata prima del referendum) e in assenza della legge per l’elezione del Senato da essa prospettato, la “riforma” consentirà, nel tempo, a un qualunque partito o movimento di impadronirsi della somma dei poteri pur con modesto consenso elettorale.

La Consulta afferma che la Carta vigente va certo innovata con modifiche formali e sostanziali, ma in direzione della monarchia costituzionale, non della dittatura di partito unico, dominatore in una Camera onnipotente.

La “riforma” il 4 dicembre sottoposta a referendum impoverisce il diritto di rappresentanza, vanto della monarchia di Casa Savoia dal 1848.

Per tutti questi motivi, la Consulta invita i cittadini ad andare alle urne e a votare “NO”, contro la “riforma” intestata al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che, caso abnorme, cumula presidenza del Consiglio e segretariato del partito maggioritario, e al ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi.

Occorre votare “No” per la libertà dei cittadini e per aprire la strada a una riforma vera e condivisa della Costituzione italiana.

La Consulta vigilerà sui modi del voto e dello scrutinio, affinché non si ripetano le migliaia di brogli che falsarono il referendum del 2-3 giugno 1946, pagati a duro prezzo dal popolo italiano.

Memore del Magistero di Re Umberto II, la Consulta chiede fermamente che i poteri istituzionali veglino sulla correttezza del confronto tra le forze in campo e impediscano prevaricazioni dell’Esecutivo nei confronti del Parlamento e dei cittadini.

La Consulta osserva infine che per l’art. 139 della Carta vigente “la forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale”, ma la via costituzionale non ne interdice  altre, quali l’indizione di un nuovo referendum.

La “riforma” Renzi-Boschi  ha diviso e divide gli italiani e allontana ogni prospettiva di restaurazione della monarchia costituzionale. Perciò al referendum del 4 dicembre occorre votare “No”.

 

Torino, 16 novembre 2016

Il Presidente della Consulta dei Senatori del Regno

Aldo A. Molalogo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *