La Repubblica continua a sorprendermi

Un pensiero per il Re e Imperatore Vittorio Emanuele III
11 Novembre 2013
Lettera al presidente A.N.P.I.
16 Novembre 2013
di Giovanni Ruzzier
PRESIDENTE
Non finisco mai di sorprendermi, non so voi. Sentite un po’ questa “chicca”. Mentre in Italia ci sono tante famiglie dichiarate “povere”, per non parlare dei tanti italiani con pensioni da fame, leggo che “tra stipendi, benefit e personale di servizio, i 15 Giudici della Consulta ci costano quasi 3 milioni a testa (150 mila euro solo per spostarsi), E tutti i 200 in pensione incassano 200mila euro l’anno”.
Capito ? La nostra Corte Costituzionale costa il doppio degli inglesi, dei canadesi  e quasi il triplo degli americani. Il Presidente della Suprema Corte USA percepisce annualmente 173mila euro, contro i 549.407 euro del Presidente della nostra Corte Costituzionale. Scusate se è poco!
Ogni nostro giudice ha a disposizione l’auto blu con 2 austisti(!), ed altri numerosi benefit.
Domanda:perchè non cominciamo a tagliare alle Istituzioni, anziché gravare sui pensionati?  Ecco perché la Consulta ha bocciato il taglio delle pensioni d’oro, logico, sarebbe stato come tagliarsi gli zibidei da soli!
E il nostro Primo Ministro Letta che fa? Va in America ed ingaggia, al costo di euro 300 mila annui, un commissario alla spesa pubblica. Ma i tanti, troppi grossi papaveri che consumano la sedia incassando prebende che un metalmeccanico neanche riesce a sognare, non possono essere impiegati allo scopo? Possibile che siano così ignoranti da dover ricorrere ad un signore di Washington? Se così è rubano lo stipendio e vanno mandati a casa! Questa è la Repubblica che ci hanno imposto i vari Romita, Togliatti, De Gasperi, Nenni e compagnia bella. Ecco perché  è ora di voltare pagina. Chissà che succeda qualcosa, anche se non credo nell’Uomo della Provvidenza!
Una cosa è certa: l’Italia potrà risollevarsi, ritrovare l’orgoglio dell’appartenenza, del dovere e dell’onestà soltanto con la Monarchia.
corona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *