La ruralità come unico futuro possibile

di Andrea Vincenzo Cerati

La città è morta, ammesso e non concesso che mai sia stata viva. Questo araldo della modernità, agglomerato senz’anima, Fede e bellezza, segno distintivo della decadenza intima ed esteriore di ogni società ha fatto il suo tempo.

Ma cosa significa, a livello pragmatico e senza voli pindarici, “superare” la dimensione urbana?

Non è sufficiente, non più, la riscoperta delle campagne, occorre un lavoro più profondo che vada ad intaccare il viscido putridume che la società capitalistica ha portato ad insozzare anime e cuori della gente.  Bisogna quindi agire per gradi, con pazienza e tatto sapendo ben dosare provocazioni ed inviti all’azione.  Per fare questo è necessaria una non comune vicinanza di intenti fra personalità e gruppi di persone diverse, con spiritualità varie e non sempre compatibili ma tutte con l’obbiettivo, più o meno velato, di una società nuova, che sia antica, presente e futura ad un tempo, in grado di preservare quanto di buono vi era e quanto ancora deve venire.

Partiamo quindi, come è ovvio, dal principio: cos’è, nel secolo ventunesimo dell’era comune così come nel settimo, la ruralità?

La risposta, tutt’altro che semplice (analizzeremo in futuro e nel dettaglio la questione), può essere condensata in un’unica parola: vita.  La società rurale è infatti autosufficiente, in grado di provvedere senza ingerenze esterne a ciò che più occorre allo svolgersi dell’esistenza. Ruralità è quindi autonomia, opposizione locale al globale, eternità contrapposta alla vacuità, spirituale come terrena, della realtà urbana.

Ruralità è famiglia, clan e tribù, i tre cardini dell’organizzazione ancestrale, dei legami sacri. Questi valori, incisi nella costituzione stessa di ogni popolo, sono quindi la base minima e necessaria di ogni società realmente sana. Quale differenza, e quanto grande, con i valori della società consumistica, ultima materializzazione di un male antico quanto il mondo e teso a svuotare l’uomo di tutto ciò che è alto e sacro. Una società che fa del vuoto, affettivo e spirituale, un valore non può del resto che opporsi alla pienezza della vita, in ogni sua forma.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Chi Siamo

Costituito a Roma il 30 maggio 2005 per volontà di un una compagnia di persone dall’ alto profilo morale ed intellettuale, “Rinnovamento nella Tradizione – Croce Reale” è un movimento culturale identitario, di cultura, valori, tradizioni e monarchia.

Torna su