L’ultimo leone di El Alamein

vincenzo

Ricordando un “leone ” di El Alamein

VITERBO – E’ scomparso pochi giorni or sono, il giorno 8 agosto u.s. l’artigliere paracadutista Vincenzo Signorelli – Leone della Folgore di El Alamein.

Viveva da solo da quanto è rimasto vedovo ed era completamente autosufficiente. Lucido, presente nella vita della Sua Sezione, era stato recentemente invitato   alle cerimonie del 185mo Artiglieria Paracadutisti,  di cui  aveva fatto parte  nel deserto egiziano. Avevamo avuto l’onore e il piacere di conoscerlo durante le celebrazioni  del 60mo  , al Sacrario, ospite del Presidente Ciampi. Per tutto il volo e  durante tutta la cerimonia rimase silenzioso, quasi turbato. “Vorrei  essere rimasto con  i miei Camerato nel Deserto! Mi sento in colpa per essere sopravvissuto. Molti migliori di me  meritavano di vivere”. Vincenzo Signorelli era presidente onorario della Sezione di Viterbo dell’Associazione nazionale paracadutisti d’Italia “In occasione dell’anniversario di El Alamein – ricorda   il presidente della sua sezione , Bartoletti   – Signorelli fu invitato a tornare sul luogo della battaglia , dove lo accompagnai con grande emozione”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Chi Siamo

Costituito a Roma il 30 maggio 2005 per volontà di un una compagnia di persone dall’ alto profilo morale ed intellettuale, “Rinnovamento nella Tradizione – Croce Reale” è un movimento culturale identitario, di cultura, valori, tradizioni e monarchia.

Torna su