Nascita della Delegazione Eleonora D’Arborea

Di Cristian Pillitu

Bentrovati alla nuova delegazione della Sardegna,”Eleonora D’Arborea”.Si è voluto intitolare questa delegazione alla più famosa Giudicessa sarda,il cui spessore politico fu immenso,non solo per Arborea,ma per la autonomia di tutta la Sardegna>gli accordi che si trovò infatti a stipulare con gli Aragonesi,portarono a un periodo di pace per tutta la terra Sarda.Regnò dal 1383 al 1403,sul giudicato maggiormente moderno,anche grazie alla sua politica diplomatica,riuscendo a evitare eventuali la mggior parte degli scontri con altri giudicati,spesso in lotta tra loro.Era nata nel 1347 dalla potente famiglia nobile catalana dei De Serra Bas;per evitare inutili dispute dinastiche,si affidava alla legittimazione popolare derivata dalla approvazione della Corona de Logu ,una sorta di parlamento dei notabili ,prelti e nobili del luogo.Questa sovrana è rimasta celebre come riformatrice della cosiddetta,”Carta de Logu”un corpo di leggi civili e penali avanzatissime per il liro periodo,e che fungevano perfino da costituzione.Abbandonando la politica assolutistica del fratello Ugone,fece in modo di bilanciare il potere centrale con quelli locali,perfezionando il cosiddetto sistema curatoriale, basato sumodello collegiale della corona de logu,ma con un presidente nominato dal sovrano,cercando di bilanciare lo strapotere di alcune famiglie a vantaggio sia del potere centrale,sia del popolo intero .Era sposata con Brancaleone Doria.Questa alleanza matrimoniale portò in guerra il giudicato per questioni territoriali e dinastiche con gli Aragonesi e condusse alla lunga alla fine della indipendenza nelle generazioni successive.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Chi Siamo

Costituito a Roma il 30 maggio 2005 per volontà di un una compagnia di persone dall’ alto profilo morale ed intellettuale, “Rinnovamento nella Tradizione – Croce Reale” è un movimento culturale identitario, di cultura, valori, tradizioni e monarchia.

Torna su