S.M. MARGHERITA DI ROMANIA ALLA SESSIONE SOLENNE DEL PARLAMENTO

CERIMONIE REALI IN ROMANIA
28 Novembre 2018
I REALI DI SPAGNA HANNO RICEVUTO IL PRESIDENTE CINESE IN VISITA UFFICIALE
29 Novembre 2018

S.M. MARGHERITA DI ROMANIA ALLA SESSIONE SOLENNE DEL PARLAMENTO

DI ANDREA CARNINO

Mercoledì 28 novembre 2018, in occasione del Centenario della Grande Unione Rumena, a Bucarest il Parlamento si è riunito per una sessione solenne durante la quale hanno pronunciato il loro discorso le più alte autorità del Paese.

Sua Maestà Margherita, rivolgendosi all’assemblea, si è così espressa:

“Oggi rendiamo omaggio ad una pagina edificante e tragica della nostra storia moderna. La mia bisnonna, la Regina Mary, ha detto alla fine della prima guerra mondiale che dopo così tanti momenti neri, aveva paura di vedere la luce del giorno. La nostra gente è andata in guerra felice, perché combatteva per un ideale. Ma il sogno si è realizzato con un sacrificio umano senza precedenti. Oggi, dopo un centinaio di anni, la nostra coscienza si rallegra mentre la nostra anima si lamenta.
Siamo orgogliosi della Grande Unione del 1918 e grati per la gloriosa pagina scritta dal nostro esercito. Ma non dimentichiamo mai che ogni famiglia rumena era in lutto in quel momento. Ammiriamo i politici di quel tempo che, indipendentemente dalla loro dottrina, hanno consolidato il processo sindacale. Il ritorno di Re Ferdinando e della Regina Maria a Bucarest, il primo dicembre 1918, il Loro passaggio sotto l’Arco di Trionfo, insieme a Parlamento, Esercito e Governo acclamati da centinaia di migliaia di rumeni, è stato un gesto di rinascita nazionale. È stato anche un momento di comunione e riflessione, di felicità e tristezza. Dopo un secolo della Grande Unione, la Corona rumena continua a sostenere le aspirazioni della democrazia e della libertà della nazione. La Famiglia Reale è coinvolta in modo profondo e duraturo nel consolidare il posto della Romania nella famiglia di nazioni europee “.

 

Copyright photos: blog del Principe Radu

Majestatea Sa s-a adresat Camerelor reunite ale Parlamentului

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *