Una replica a Sergio Romano

Torino 2 ottobre 2015 rettorato della già Regia Università di Torino
28 Settembre 2015
Un sessantotto in saio francescano? L’ombra di un sogno fuggente
30 Settembre 2015

Il Corriere della Sera di domenica 27 settembre 2015 riportava inaccettabili affermazioni di Sergio Romano a proposito delle doverosa traslazione in Italia delle Reali Salme.

Tali affermazioni hanno provocato l’immediata lettera di risposta del Presidente della Consulta dei Senatori del Regno prof.  Aldo A. Mola, che a tutt’oggi non è stata ancora pubblicata sul Corriere della Sera, lettera che – qui di seguito – vi viene proposta.

Cav. Giovanni Ruzzier

DOVE LE TOMBE DEI RE D’ITALIA?

Ancora poche parole sulla destinazione delle spoglie di Vittorio Emanuele III, re d’Italia dal 1900 al 1946, e della Regina Elena. O lo Stato, come da decenni deve, se ne fa carico e le colloca al Pantheon in Roma con l’identica visibilità del Padre della Patria e di Umberto I, assassinato da anarchici in un complotto tuttora oscuro, oppure i Famigliari e i cittadini orgogliosi della propria storia le collocano, in Italia, dove preferiscono, in attesa del Risveglio. La Basilica di Superga (trascurata dall’amministrazione civica, come certo sa) è uno dei Mausolei della Casa, non è quello dei Re d’Italia. O viene suggerita per non inquietare un altro sovrano di Roma? In alternativa al Pantheon, Vittorio Emanuele III sta bene dov’è: ad Alessandria d’Egitto ove morì il 28 dicembre 1947, non esule ma cittadino di pieno diritto e ancora capo delle Forze Armate in forza dello Statuto che, come sa bene, Eccellenza, non è mai stato abrogato da alcuna legge. Così, nel 70° della repubblica, da  Santa Caterina il Re continua a ricordare alle “istituzioni” la loro “timidezza”, come fa da Montpellier la Regina Elena, amatissima dagli italiani. La regina e Vittorio Emanuele III sono comunque nella memoria degli italiani consapevoli della storia.  Grato per l’attenzione, molti cari saluti

Aldo A. Mola

pantheon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *