Pagina e Gruppo su Facebook dedicato al Casato Asburgo/Este
29 Settembre 2018
NOZZE NOBILIARI IN BAVIERA
30 Settembre 2018

24 Settembre 1863 Scioglimento Brigata Estense

Angela Baranzoni

ricordiamo che il 24 Settembre 1863 venne sciolta la fedelissima Brigata Estense

Il 5 ottobre 1863 il Tenente Maresciallo Luigi Pokorny li accolse nell’esercito imperiale con queste parole:
« Quali soldati d’onore avete dato al mondo un raro esempio di forza d’animo, fedeltà ed attaccamento all’Augusto vostro Sovrano.
Il destino altrimenti dispose di quanto una tanta fedeltà, eternamente duratura nelle pagine della storia, avrebbe meritato. (…) Dall’Austria i guerrieri di tante nazioni salutandovi, vi chiamano i benvenuti. Io in loro nome vi stringo la mano, e vi consegno la vostra nuova bandiera, pur essa vessillo della legittimità e della religione, ed in cui pure risplende il glorioso stemma estense “

24 settembre 1863 Scioglimento Brigata Estense
si consumava così l’ultimo atto del Ducato…..che scompariva per sempre

dal Oesterreichischer Soldatenfreund
23. September 1863
( un giorno prima dello scioglimento )

” In occasione della prossima dissoluzione della Brigata Estense sua Eccellenza von Bendek da Bassano emanò il seguente ordine alla Brigata ;
“Le truppe che seguirono dall’ anno 1859 l’Arciduca Francesco d’Austria Este di Modena, vengono sciolte immediatamente e sua Maestà l’Imperatore ( Francesco Giuseppe ), ha deciso che quest’ultimi entrino nell’esercito austriaco cosi come i generali, il personale e gli ufficiali, nonché gli uomini delle truppe ducali , nella posizione attiva o avanzata dell’esercito, e nel corpo dell’esercito corrispondente alla loro precedente posizione nella Brigata, mantenendo i loro grado della milizia ducale ”

” Il capo della mia Famiglia, non sa che farsene di me ”
Francesco V Duca Asburgo Este di Modena ,Reggio, ecc… , Arciduca d’Austria e Principe di Boemia e Ungheria

Le cronache riportano la commozione provata dall Duchessa Adelgonda e le copiose lacrime che le scendevano sulle gote e che non si vergognava di mostrare tale stato d’animo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *