IL PARLAMENTO DI BUCAREST HA APPROVATO UNO STATUTO PER LA FAMIGLIA REALE RUMENA

LE ATTIVITA’ NATALIZIE DEI REALI DI BELGIO, SVEZIA E ROMANIA
20 Dicembre 2018
Appunti di viaggio in Russia – ottava parte: San Pietroburgo, la capitale dei Romanov nata dal sogno di Pietro il Grande
21 Dicembre 2018

IL PARLAMENTO DI BUCAREST HA APPROVATO UNO STATUTO PER LA FAMIGLIA REALE RUMENA

DI ANDREA CARNINO

Mercoledì 19 dicembre 2018 con 76 voti favorevoli, 5 contrari e 16 astenuti, il Senato della Romania ha approvato “’l’Istituto Nazionale Re Michele I” con il quale è stato dato uno statuto alla Famiglia Reale, la quale diventa un’istituzione di pubblico interesse il cui compito sarà quello di promuovere i valori nazionali e il cui quartier generale sarà Palazzo Elisabetta.

Il direttore dell’Istituto verrà nominato dal Senato su proposta del Custode della Corona, ora Sua Maestà Margherita e il numero massimo di dipendenti previsti non potrà superare le venti unità.

La Corona si dovrà occupare della creazione e dello sviluppo di programmi e progetti per promuovere tradizioni nazionali, costumi e simboli nel campo scientifico, culturale, educativo, sportivo ed economico,  promuoverà eventi di importanza storica e programmi di sviluppo socioculturale, sportivo e educativo a livello locale, regionale, nazionale e internazionale e l’immagine della Romania nel mondo.

Questa proposta di Legge, presentata dai Presidenti di Camera e Senato, essendo già stata approvata tacitamente dalla Camera, sarà presto promulgata dal Presidente della Repubblica e poi sarà valida a tutti gli effetti.

La nuova istituzione riceverà dal Senato un finanziamento annuo non superiore a 500 mila euro annui, vale a dire 3 centesimi di Euro all’anno per abitante, una somma veramente irrisoria.

I monarchici rumeni hanno accolto con molto favore questo statuto, che è una forma di risarcimento della storia nei confronti di questa Dinastia, il cui ultimo Monarca Regnate, Re Michele I, è stato costretto ad abdicare dai comunisti nel dicembre 1947, proprio a Palazzo Elisabetta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *