LA VISITA IN ALSAZIA DEI REALI DI ROMANIA
1 Ottobre 2018
Evento di bneficienza con SAIR Arciduca Martino Asburgo Este
3 Ottobre 2018

LE NOZZE DI NICOLA E ALINA DI ROMANIA

DI ANDREA CARNINO

Il 30 settembre 2018 Nicola di Romania, nipote del Re defunto Michele e di Sua Maestà Margherita, ha sposato nella Chiesa di Sant’Elia a Sinaia, la connazionale Alina Maria Binder regalando al Paese il primo matrimonio Reale dalla fine del comunismo.

Gli sposi sono arrivati alla Chiesa insieme e sono stati acclamati da moltissime persone radunatesi davanti al sagrato e che hanno potuto seguire la cerimonia grazie ad un maxischermo allestito appositamente.  Molti dei presenti alla vista di Nicola hanno gridato: “Viva il futuro re di Romania”. Alina portava un abito in seta disegnato da uno stilista rumeno e il Suo bouquet era composto da gigli, peonie bianche e gelsomini. La sposa tra i capelli portava una tiara composta di perle e fiori mentre i Suoi orecchini erano fatti di diamante.

Tra le damigelle della sposa, Elisabetta, sorella di Nicola e unico membro della Casa Reale ad essere presente, la quale, dimostrandosi leale verso l’amato fratello, ha ignorato la richiesta della Sua famiglia di non partecipare alle nozze.

Dopo la funzione, celebrata da 10 sacerdoti e presieduta dall’Arcivescovo di Ages, Nicola e Alina si sono diretti al casinò, luogo del ricevimento, a bordo di una carrozza, accompagnati dai gruppi folcloristici provenienti da diverse zone della Romania per poi affacciarsi dal balcone dell’edificio per salutare le numerosissime persone venute ad acclamarli. E’ seguito un ricevimento nella Sala degli Specchi e in serata, la cena nunziale.

Il gran salone del casinò per l’occasione è stato decorato di un bianco immacolato con composizioni floreali poste in vasi alti e argento su ogni tavolo.

Tra gli ospiti, in Sindaco di Sinaia e la Principessa Eleonora di Schaumburg Lippe mentre il Principe Ereditario di Francia ha dovuto declinare l’invito a causa dello stato interessante della moglie, la Principessa Filomena, in procinto di partorire il quinto figlio.

Al momento la successione al Trono Rumeno è la più problematica d’Europa: Re Michele I è deceduto il 5 dicembre 2017 e gli è succeduta la primogenita Margherita; il problema è che Margherita non ha figli, seguendo la linea di successione dettata dalla Casa Reale dopo di lei viene la sorella Elena, che ha avuto due figli: Nicola, che è stato escluso nel 2015 e Elisabetta Karina, una ragazza di gran cuore, ma poco preparata per il compito che la attende. Le altre figlie del Re sono: Irina, esclusa dalla linea di successione per aver organizzato di combattimenti illegali tra galli negli USA; Sofia, che ha una figlia: Elisabetta Maria; Maria, l’ultimogenita del Sovrano che è divorziata senza progenitura.

Un’alternativa, come previsto dalla Costituzione del 1923, sarebbe quella di tornare al Casato Madre, ossia quello degli Hohenzollern Sigmaringen, il cui capo, Carlo Federico vive nei Suoi castelli in Germania, è quasi sconosciuto dal popolo rumeno e ha dichiarato pubblicamente di non essere interessato al Trono Rumeno.

Chi vivrà vedrà!

La prima ragazza sinistra è Elisabetta, sorella minore di Nicola

 

Copyright photos: pagina Facebook “Miscarea Pentru Regat si Coroana”

https://www.click.ro/news/national/cine-este-alina-binder-trecutul-amoros-al-sotiei-principelui-nicolae

https://stirileprotv.ro/stiri/actualitate/nunta-fostului-principe-nicolae-video-cu-sosirea-invitatilor-la-ceremonia-religioasa-de-la-biserica.html

https://adevarul.ro/entertainment/celebritati/nunta-principelui-nicolae-primele-imagini-alina-binder-rochie-mireasa-foto-video-1_5bb0bb14df52022f75022f84/index.html

https://www.libertatea.ro/monden/principele-nicolae-si-mireasa-lui-alina-binder-au-disparut-de-la-petrecere-unde-au-plecat-de-la-cazinoul-din-sinaia-foto-2410713/gallery/2410633?pid=2410713

https://mediacdn.libertatea.ro/unsafe/1160×600/smart/filters:contrast(8):quality(80)/https://static4.libertatea.ro/wp-content/uploads/2018/09/sala-cazinou.jpg

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *