Reginette

di Alberto Urizio

Nulla accade per caso, o almeno io la penso così. L’altro giorno mia moglie mi ha chiesto di accompagnarla al supermercato per le solite spese e, come al solito, le ho detto che lo facevo volentieri sapendo già come sarebbe stata la consueta procedura e che conoscono tutti i mariti di questa terra: io ( il marito) che guida il carrello della spesa, lei ( la moglie ) che lo carica di vettovaglie varie, dando ordini a lui di fermarsi li, di spostarsi là e fingendo di coinvolgerlo nella difficile scelta fra “ lo sbiancante totale “ o “ lo sbiancante progressivo” come se noi ci capissimo qualche cosa di un prodotto dove già la lingua italiana viene messa in discussione. In tutti i casi la conclusione è la stessa da sempre: la rastrelliera finale delle casse dove lui paga quanto acquistato da lei. In una di queste fasi, mia moglie, sorridendo mi dice di aver trovato un formato di pasta che non vedeva da anni, le Reginette, che era la preferita di sua mamma che da tempo dorme in un piccolo cimitero di un piccolo paese della Sardegna.

Non mi ricordavo di questa preferenza, ma le ho risposto di prenderne allora due pacchi in modo da ricordarla con affetto ogni volta che, a tavola, tutti noi ne avremmo mangiate. Credo che a questo punto mia suocera, a cui ho sempre voluto bene, mi abbia posto una mano in testa e mi abbia suggerito di passare un attimo di attesa, leggendo quanto scritto nel retro : “…. le Reginette devono il loro nome alla Principessa Mafalda di Savoia, alla quale vennero per prime dedicate dal fantasioso popolo napoletano”. Confesso che non lo sapevo. Ecco, ad ogni forchettata ricorderò l’amatissima Principessa e mia suocera che, non ho dubbi, sorrideranno assieme, forse anche loro davanti ad un radioso piatto di Reginette in un Luogo dove non esiste più il tempo ed il dolore.

Viva il Remafaldareginette

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Chi Siamo

Costituito a Roma il 30 maggio 2005 per volontà di un una compagnia di persone dall’ alto profilo morale ed intellettuale, “Rinnovamento nella Tradizione – Croce Reale” è un movimento culturale identitario, di cultura, valori, tradizioni e monarchia.

Torna su